martedì 17 gennaio | 06:45
pubblicato il 22/ott/2013 13:39

Maltempo: Cia, in 60 anni spesi 55 mld euro per emergenza

Maltempo: Cia, in 60 anni spesi 55 mld euro per emergenza

(ASCA) - Roma, 22 ott - Negli ultimi 60 anni sono stati spesi circa 55 miliardi di euro per riparare i danni causati da calamita' naturali; sarebbe bastato destinare il 20% di questa cifra ad opere di manutenzione del territorio per limitare le disastrose conseguenze e soprattutto le perdite umane. E' quanto evidenzia la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito ai recenti eventi alluvionali che hanno colpito in particolare Toscana e Liguria e che ripropongono con forza le tematiche legate all'assetto idrogeologico e alla sicurezza delle persone e delle attivita' produttive, soprattutto in agricoltura.

Il maltempo degli ultimi giorni - fa notare l'associazione - ha prodotto solo nel settore agricolo danni per milioni di euro. Da qui la richiesta della dichiarazione dello stato di calamita'. Specialmente in Toscana gli effetti sulle campagne sono stati devastanti. Strutture aziendali agricole e terreni sono finiti sott'acqua, non solo per i violenti nubifragi, ma anche per le esondazioni di fiumi e canali; mentre smottamenti e frane hanno causato pesanti difficolta' alla circolazione nelle strade rurali completamente allagate.

Danneggiati campi coltivati a cereali, oliveti, vivai e vigneti. Conseguenze negative si registrano pure per gli allevamenti. Stesso discorso per la Liguria dove si sta facendo un primo monitoraggio.

Per la Cia, si tratta di un quadro estremamente allarmante che evidenzia l'esigenza di una valida opera di prevenzione.

Basta citare alcuni dati per comprendere la delicatezza del problema: oggi 8 comuni su 10 sono in aree ad elevata criticita' idrogeologica; oltre 700 mila sono gli immobili abusivi, spesso costruiti non a norma e, quindi, a grave rischio in presenza di una calamita' naturale. Ecco perche' - riafferma la Cia - accanto agli interventi legati all'emergenza, necessaria ed urgente, appare sempre piu' indispensabile un'azione coordinata e programmata del Governo e delle Regioni volta all'attivita' di prevenzione dei disastri naturali. Il ripetersi ciclico degli eventi calamitosi non puo' portare alla rassegnazione perche' essi sono incontrollabili e ineluttabili. Al contrario, e' necessario superare atteggiamenti passivi o superficiali, adottando strategie dinamiche di progetto e di azione, attraverso gli strumenti ordinari della programmazione: progettare in sicurezza per assicurare un territorio tutelato e al tempo stesso produttivo.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello