giovedì 08 dicembre | 06:01
pubblicato il 22/ott/2013 13:39

Maltempo: Cia, in 60 anni spesi 55 mld euro per emergenza

Maltempo: Cia, in 60 anni spesi 55 mld euro per emergenza

(ASCA) - Roma, 22 ott - Negli ultimi 60 anni sono stati spesi circa 55 miliardi di euro per riparare i danni causati da calamita' naturali; sarebbe bastato destinare il 20% di questa cifra ad opere di manutenzione del territorio per limitare le disastrose conseguenze e soprattutto le perdite umane. E' quanto evidenzia la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito ai recenti eventi alluvionali che hanno colpito in particolare Toscana e Liguria e che ripropongono con forza le tematiche legate all'assetto idrogeologico e alla sicurezza delle persone e delle attivita' produttive, soprattutto in agricoltura.

Il maltempo degli ultimi giorni - fa notare l'associazione - ha prodotto solo nel settore agricolo danni per milioni di euro. Da qui la richiesta della dichiarazione dello stato di calamita'. Specialmente in Toscana gli effetti sulle campagne sono stati devastanti. Strutture aziendali agricole e terreni sono finiti sott'acqua, non solo per i violenti nubifragi, ma anche per le esondazioni di fiumi e canali; mentre smottamenti e frane hanno causato pesanti difficolta' alla circolazione nelle strade rurali completamente allagate.

Danneggiati campi coltivati a cereali, oliveti, vivai e vigneti. Conseguenze negative si registrano pure per gli allevamenti. Stesso discorso per la Liguria dove si sta facendo un primo monitoraggio.

Per la Cia, si tratta di un quadro estremamente allarmante che evidenzia l'esigenza di una valida opera di prevenzione.

Basta citare alcuni dati per comprendere la delicatezza del problema: oggi 8 comuni su 10 sono in aree ad elevata criticita' idrogeologica; oltre 700 mila sono gli immobili abusivi, spesso costruiti non a norma e, quindi, a grave rischio in presenza di una calamita' naturale. Ecco perche' - riafferma la Cia - accanto agli interventi legati all'emergenza, necessaria ed urgente, appare sempre piu' indispensabile un'azione coordinata e programmata del Governo e delle Regioni volta all'attivita' di prevenzione dei disastri naturali. Il ripetersi ciclico degli eventi calamitosi non puo' portare alla rassegnazione perche' essi sono incontrollabili e ineluttabili. Al contrario, e' necessario superare atteggiamenti passivi o superficiali, adottando strategie dinamiche di progetto e di azione, attraverso gli strumenti ordinari della programmazione: progettare in sicurezza per assicurare un territorio tutelato e al tempo stesso produttivo.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni