mercoledì 07 dicembre | 21:27
pubblicato il 17/mag/2013 13:22

Maltempo: Cia, coltivazioni in ritardo di un mese

(ASCA) - Roma, 17 mag - Non c'e' pace per le campagne del Nord Italia, dove nei primi cinque mesi dell'anno e' caduta quasi il doppio della pioggia del 2012, con 50 giorni in piu' di maltempo. E i violenti nubifragi degli ultimi giorni hanno impedito ancora una volta i lavori nei campi, con il risultato che lo stato vegetativo delle colture e' mediamente in ritardo di un mese. Si teme soprattutto per il mais, che in alcuni casi non e' stato seminato, facendo prevedere cali generalizzati del raccolto con punte del -40 per cento in Lombardia, Piemonte e Veneto. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.

Dopo la difficile annata 2012-2013, in cui la siccita' ha ''bruciato'' circa il 30 per cento della produzione nazionale di mais, quest'anno si puntava a un aumento delle superfici dedicate a questa coltura, complici anche i prezzi interessanti. E invece le cattive condizioni meteorologiche hanno ritardato se non impedito la semina, facendo prevedere un crollo generalizzato dei volumi. In queste ore -continua la Cia- si teme specialmente per le aree agricole a ridosso del Po, dove il livello idrometrico continua a salire e diventa concreta la possibilita' di tracimazioni. Ma in generale sono tante le campagne allagate in tutto il Nord, dove fango e acqua impediscono ai produttori di entrare in campo con i trattori per parecchio tempo e dove ora si rischia di perdere tutto il primo raccolto delle foraggere, che comincia a marcire nei campi. A scontare gli effetti degli allagamenti e dei fenomeni di asfissia del terreno, che si innescano in particolar modo nei suoli poco permeabili, sono anche gli orticoli coltivati in pieno campo, soprattutto le fragole, i meloni e i tuberi.

Mentre la grandine e i temporali violenti -aggiunge la Cia- hanno danneggiato i tanti frutteti in fioritura, che rischiano di perdere il 10 per cento del prodotto. Molto spesso infatti in questa fase, o in quella di prima fruttificazione, le piogge molto intense influiscono sulla potenzialita' produttiva delle piante, abbassandone le rese.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni