martedì 21 febbraio | 20:28
pubblicato il 25/mag/2013 12:05

Maltempo: Cia, allarme campagne, danni per 500 mln di euro

Maltempo: Cia, allarme campagne, danni per 500 mln di euro

(ASCA) - Roma, 25 mag - Il maltempo ha sconvolto ancora una volta l'agricoltura: i danni per le campagne italiane ammontano a oltre 500 milioni di euro. Le conseguenze maggiori si registrano al Nord, specialmente in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. E' la fotografia della nuova emergenza maltempo scattata dalla Confederazione italiana agricoltori (Cia) che ha sollecitato lo stato di calamita' naturale in modo che si possa intervenire tempestivamente nei confronti degli agricoltori, gia' in grande difficolta' a causa degli onerosi costi che pesano sulla gestione aziendale.

Nelle regioni settentrionali - segnala la Cia in una nota - si e' avuto un aumento del 50% delle precipitazioni rispetto al 2012. E nei campi allagati dalle eccezionali piogge e colpiti anche da abbondanti nevicate, straordinarie in questo periodo dell'anno, da violente grandinate e trombe d'aria, le coltivazioni hanno subito gravi danni: dal mais alla soia, dall'ortofrutta alla vitivinicoltura, dal riso ai pomodori all'olivicoltura.

Non solo. Le conseguenze - mette in luce l'associazione di categoria - sono state pesanti anche per i terreni, devastati da frane e smottamenti, e per le strutture aziendali (serre, stalle, magazzini, fienili, cantine), fortemente danneggiate.

Le temperature sotto la media - sostiene la Cia - hanno determinato ovunque ritardi nelle fioriture. Le piogge torrenziali hanno, inoltre, stravolto le operazioni di semina, ritardandole di un mese almeno, se non rendendole proprio impossibili. Per il mais si parla gia' di cali di produzione di oltre il 40% in Piemonte, del 35% in Veneto e del 30% in Lombardia.

Se si aggiunge anche la perdita secca del primo raccolto delle foraggere, che stanno marcendo nei campi allagati, e' chiaro che si va verso un crollo delle scorte di mangime con effetti diretti sulla filiera zootecnica.

Anche per il settore del riso si rischia una situazione critica. Si prevedono consistenti rallentamenti per le semine e la produzione, secondo le prime stime, puo' diminuire di circa il 20%. Analogo allarme vale per la frutta estivacon grossi ritardi nella prima fruttificazione. Per l'ortofrutta si prevedono perdite di raccolto del 15% in Lombardia e Piemonte, del 10% in Veneto, mentre in Emilia Romagna il calo produttivo per il settore puo' raggiungere dimensioni superiori, soprattutto per quello che riguarda i pomodori.

La persistente e lunga ondata di maltempo primaverile ha cosi' sconvolto i tempi e cicli dell'agricoltura, rendendo sempre piu' complessa una situazione gia' alquanto precaria per le imprese che si trovano in profonda crisi e costrette a fronteggiare costi in continua crescita e prezzi all'origine di nuovo in discesa. Il che - conclude la Cia - si riflette negativamente sui redditi, ancora in calo, e sulla competitivita' sui mercati. com-stt/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia