lunedì 05 dicembre | 12:11
pubblicato il 23/nov/2011 12:04

Maltempo, a Giampilieri 2 anni dopo l'alluvione nulla è cambiato

Fondi per 180 milioni inutilizzabili un'ordinanza sbagliata

Maltempo, a Giampilieri 2 anni dopo l'alluvione nulla è cambiato

Lavori che procedono a rilento e fondi bloccati. A Giampilieri e Scaletta Zanclea, i paesi del Messinese colpiti dall'alluvione del 2009, due anni dopo, le opere di ricostruzione sono minime e la fase di messa in sicurezza non è mai cominciata. Ai margini del torrente Racinazzo la paura degli abitanti rimane, come il ricordo di quella notte che causò 37 vittime. Gennaro Giovanni 74 anni, non può ancora tornare nella sua abitazione.Eppure i fondi per la ricostruzione ci sono, come spiega il sindaco di Scaletta Zanclea, Mario Briguglio. Cifre, racconta il sindaco, che non possono essere impiegate per problemi burocratici, ordinanze sbagliate e una difficile gestione del territorio. "Io sindaco di Scaletta non sono stato nominato soggetto attuatore, quindi non ho avuto la possibilità di stabilire nel mio territorio cosa andava fatto e cosa non andava fatto. Abbiamo dovuto "subire" le decisioni di tecnici e persone competenti, però tante cose io non le ho condivise". Per gli abitanti di Scaletta Zanclea, come Pietro Mattina che, nella sua abitazione vicino al torrente Racinazzo coltiva i rarissimi Arnoni, una soluzione immediata però ci sarebbe.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari