giovedì 08 dicembre | 17:03
pubblicato il 30/dic/2013 17:45

Malasanita': Medici Cgil, con spot in tv rischio aumento contenzioso

(ASCA) - Roma, 30 dic - ''E' paradossale che la Rai, il servizio pubblico, trasmetta un inquietante e suggestivo spot pubblicitario sulla malasanita', con il rischio di un aumento del contenzioso medico-legale nella sanita' pubblica, in un sistema inadeguato e dannoso sulla responsabilita' professionale sanitaria, che potremmo definire di malaresponsabilita'''. Queste le parole di commento del segretario nazionale Fp-Cgil Medici, Massimo Cozza, riguardo alla trasmissione, ripresa in questi giorni, di uno spot pubblicitario televisivo sulla Rai, previsto anche su Mediaset e La7, visibile sul sito www.obiettivorisarcimento.it. Nello spot, gia' oggetto di polemiche in passato, si invitano le vittime della malasanita' a rivolgersi entro dieci anni a uno staff di esperti, ''zero anticipi e zero rischi'', ''per reclamare quello che ti spetta''.

Secondo l'Agenzia Nazionale per i Servizi sanitari regionali (Agenas) il numero delle denunce di sinistri per malasanita' nelle sole strutture pubbliche e' stato di oltre 12mila nel 2102, al netto di tre Regioni che non hanno fornito i dati.

Tutto questo a fronte di oltre 9 milioni di ricoveri e circa 1 miliardo di prestazioni specialistiche. Ma ogni denuncia (63% per lesioni personali e 11% per decessi) puo' riguardare piu' medici, con un coinvolgimento di decine di migliaia di professionisti. In un recente sondaggio presentato al 1* Congresso Nazionale sulla RC professionale, su oltre 20mila medici intervistati il 99% si sente esposto a rischio denunce.

''I medici, anche se hanno agito in scienza e coscienza - sottolinea Massimo Cozza - con l'attuale sistema di malaresponsabilita' rischiano sempre di piu' la gogna mediatica, di essere comunque sottoposti a indagini giudiziarie, costretti ad avvalersi di avvocati e a passare anni come imputati nelle aule dei tribunali. Peraltro con polizze assicurative sempre piu' alte e con minori tutele anche da parte delle stesse aziende sanitarie. Cosi' in modo cautelativo tendono a operare sempre di meno i casi piu' complessi, e i cittadini sono sottoposti a sempre maggiori esami diagnostici e interventi terapeutici''. Oltre il 95% del contenzioso si risolve poi con l'assoluzione del professionista sanitario, a fronte di un costo della medicina difensiva stimato dal Cergas Universita' Bocconi in circa il 10% della spesa sanitaria complessiva (circa 13 miliardi l'anno) e con i cittadini diverse volte costretti a lunghi percorsi a ostacoli per avere il giusto risarcimento di un danno ingiusto.

''L'attuale sistema sulla responsabilita' professionale sanitaria, in mancanza di norme giuridiche certe e appropriate, in presenza di una visione miracolistica della medicina e di campagne pubblicitarie di associazioni e studi legali - continua Cozza - e' sbagliato e dannoso per la collettivita', sta minando il fondamentale rapporto medico-paziente, con un costo sociale inestimabile''.

''E' tempo che il Governo e in primo luogo la Ministra della Salute Beatrice Lorenzin intervengano per l'approvazione di una normativa appropriata sulla responsabilita' professionale in sanita', partendo dai progetti di legge in discussione in Parlamento, promuovendo una campagna di comunicazione sociale da avviare proprio dalla Rai. Possibilmente - conclude il segretario nazionale della Fp-Cgil Medici - senza farsi autogol''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni