martedì 17 gennaio | 02:15
pubblicato il 02/ott/2011 18:49

Mafia/Riina jr torna a Corleone: una presenza inattesa e temuta

Dietro il portone della palazzina in via Scorsone tutto tace

Mafia/Riina jr torna a Corleone: una presenza inattesa e temuta

Corleone, 2 ott. (askanews) - Dietro il piccolo portone della palazzina al numero 24 di via Scorsone, a Corleone, tutto tace. Da questo angusto ingresso, stamani, è passato Giuseppe Salvatore Riina, figlio dello storico capo dei capi di Cosa nostra Totò, ritornato nel paese natale dopo aver scontato 8 anni e 10 mesi per associazione mafiosa nel carcere di Opera, dal quale è uscito ieri. Nessuno risponde al citofono, ma una vicina di casa lascia intendere che all'interno vi siano comunque i Riina, che preferiscono mantenere assoluto riserbo. In realtà qualcuno stamani Giuseppe Salvatore Riina lo ha visto. L'uomo, che oggi ha 34 anni, prima di mezzogiorno infatti si è recato al commissariato di polizia per mettere la firma sull'elenco dei sorvegliati speciali. Lasciato il carcere, Riina jr sarebbe dovuto andare a Padova, dove era atteso per lavorare in una Onlus, ma è stato proprio questo regime di sorveglianza speciale con l'obbligo di firma, che pendeva sul suo capo a causa di una passata condanna, a causare il cambio di programma. Dunque un rientro forzato e inatteso in Sicilia, dove l'erede di Totò "U'Curtu" ha potuto riabbracciare la madre, Ninetta Bagarella e le sorelle. La permanenza nella casa materna, comunque, non dovrebbe protrarsi a lungo, dal momento che il legale di Giuseppe Salvatore Riina ha già annunciato di voler chiedere il rapido trasferimento in Veneto, così come previsto inizialmente. Intanto dal Comune di Corleone, il sindaco Antonino Iannazzo commenta duramente la notizia, definendo "persona non gradita" Riina jr. Una preoccupazione cui fanno eco le parole di Dino Paternostro, segretario della Camera del Lavoro di Corleone, il quale, contattato da TMNews, teme che "la presenza di Riina jr condizionerebbe la vita politica, economica e sociale della società. Corleone - ha detto Paternostro - sta facendo il massimo sforzo per liberarsi dai condizionamenti mafiosi, ma è ancora come un convalescente, e ha bisogno in questa fase dello stato, per far sì che si completi il processo di liberazione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello