domenica 19 febbraio | 20:48
pubblicato il 05/ott/2011 09:47

Mafia/Intestazione fittizia, Cassazione decide su Ciancimino jr

In appello il figlio di "don Vito" condannato a 3 anni e 4 mesi

Mafia/Intestazione fittizia, Cassazione decide su Ciancimino jr

Palermo, 5 ott. (askanews) - Si potrebbe pronunciare già oggi la Corte di Cassazione, chiamata a dire l'ultima parola nel processo che vede imputato Massimo Ciancimino con l'accusa di riciclaggio e intestazione fittizia di beni. Il figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo, Vito, che in primo grado era stato condannato a 5 anni e 8 mesi, in appello ha goduto di una riduzione a 3 anni e 4 mesi. La vicenda vede coinvolti per intestazione fittizia di beni anche il tributaria Gianni Lapis, prestanome dei Ciancimino; e la moglie di "don Vito", Epifania Scardina. I due, in secondo grado erano stati condannati a 5 e un anno. Cinque anni, invece, è stata la condanna per l'avvocato romano Giorgio Ghiron, che risponde di riciclaggio in concorso. Massimo Ciancimino, attualmente, è agli arresti domiciliari per la vicenda che lo vede accusato di detenzione di esplosivo, e calunnia nei confronti dell'ex capo della polizia Gianni De Gennaro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia