martedì 21 febbraio | 07:12
pubblicato il 22/apr/2011 12:03

Mafia/Ingroia su Ciancimino: Accusa calunnia non è acqua fresca

Il pm di Palermo: Altre dichiarazioni restano valide

Mafia/Ingroia su Ciancimino: Accusa calunnia non è acqua fresca

Palermo, 22 apr. (askanews) - "Un'accusa di calunnia non è certo acqua fresca, però è anche vero che ci sono delle dichiarazioni di Ciancimino che stavano in piedi a prescindere dalla sua attendibilità generica perché riscontrate da elementi specifici e che dunque restano valide". Lo ha detto il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, parlando del fermo, avvenuto ieri a Parma, di Massimo Ciancimino. Il figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo è accusato di calunnia aggravata, per il sospetto d'aver falsificato un documento consegnato ai magistrati che indagano sulla presunta trattativa tra Stato e mafia all'indomani della stagione stragista.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia