domenica 04 dicembre | 17:42
pubblicato il 03/mag/2011 11:44

Mafia/Brusca: Dell'Utri e Ciancimino volevano 'portarci' la Lega

E' quanto avrebbe detto Riina dopo l'uccisione di Falcone.

Mafia/Brusca: Dell'Utri e Ciancimino volevano 'portarci' la Lega

Firenze, 3 mag. (askanews) - Marcello Dell'Utri e Vito Ciancimino si sarebbero offerti come tramite tra la Mafia e la Lega e un altro soggetto politico: è quanto avrebbe riferito Totò Riina a Giovanni Brusca, dopo l'uccisione del giudica Giovanni Falcone. Lo ha detto il pentito Brusca durante il processo al boss Francesco Tagliavia, a Firenze, per le stragi del 1993. Fino all'attentato contro Giovanni Falcone, ha spiegato Brusca, l'obiettivo di Totò Riina era di influenzare il maxi-processo di Mafia a Palermo. In seguito, sarebbero subentrati Marcello Dell'Utri e Vito Ciancimino che volevano "portare" a Riina la Lega e un altro soggetto politico. "In un primo tempo Riina era titubante e anch'io gli chiedevo se ci fossero novità -ha dichiarato Brusca- fino all'ultimo attentato Riina pensava di condizionare il maxi-processo". Ma poi, ha concluso, sarebbero subentrati,"dei soggetti indicati in Marcello Dell'Utri e Vito Ciancimino che gli volevano portare la Lega e un altro soggetto che non ricordo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari