venerdì 09 dicembre | 03:49
pubblicato il 17/giu/2011 12:03

Mafia/ Stragi '93, parti civili: trattativa non è suggestione

Dal processo Tagliavia elementi per prosieguo indagini.

Mafia/ Stragi '93, parti civili: trattativa non è suggestione

Firenze, 17 giu. (askanews) - "Fatti e non solo suggestioni". E' quanto, secondo le richieste di parte civile, è emerso dal processo al boss Francesco Tagliavia, imputato come co-autore delle stragi di Mafia del 1993. Ai pubblici ministeri che ieri hanno parlato di "suggestioni", l'avvocato Danilo Ammannato, per conto dei familiari delle vittime dei Georgofili, ha replicato che "da questo processo non escono solo suggestioni, ma fatti", che dimostrano come quella "stagione di terrorismo" abbia "mandanti esterni, moventi e precise causalità", la cui premessa fu una "trattativa tra Stato e mafia". Causalità, secondo le parti civili, "connesse al potere politico ed economico". Se non altro perché, "l'organizzazione di Cosa nostra è triangolare -ha aggiunto Ammannato- perché può vivere solo in collusione con potere politico ed economico, mentre le altre organizzazioni semplicemente criminali, come le Brigate rosse, possono durare 4, 5 anni e poi cessano quando lo Stato le combatte". Quanto alla politica, il sostegno della Dc sarebbe cessato nel 1992, con Tangentopoli, e dopo Salvatore Lima e Giulio Andreotti, la mafia avrebbe cercato sostegno dapprima nel ministro Nicola Mancino e poi nella nascente forza politica di Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri. Secondo le parti civili poi, dal processo trova conferma l'attendibilità di Gaspare Spatuzza: "ha dato un ulteriore apporto per la causale del processo -ha detto Ammannato- e la Corte di Assise va ringraziata perché ha fatto ammettere ulteriori documenti". Inoltre "Spatuzza è credibile e attendibile anche quando parla di altri fatti", in linea anche con le rivelazioni del pentito più importante del primo processo fiorentino, Salvatore Cangemi. Le indagini dunque dovranno andare avanti anche dopo la condanna di Tagliavia, ha concluso Ammannato, che ha ribadito: "la trattativa è un conto, il patto un altro, ma la trattativa tra Stato e mafia c'è stata, perché ce lo dice Cangemi prima, Spatuzza poi. Basta con in negazionismi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni