giovedì 19 gennaio | 08:26
pubblicato il 17/giu/2011 12:03

Mafia/ Stragi '93, parti civili: trattativa non è suggestione

Dal processo Tagliavia elementi per prosieguo indagini.

Mafia/ Stragi '93, parti civili: trattativa non è suggestione

Firenze, 17 giu. (askanews) - "Fatti e non solo suggestioni". E' quanto, secondo le richieste di parte civile, è emerso dal processo al boss Francesco Tagliavia, imputato come co-autore delle stragi di Mafia del 1993. Ai pubblici ministeri che ieri hanno parlato di "suggestioni", l'avvocato Danilo Ammannato, per conto dei familiari delle vittime dei Georgofili, ha replicato che "da questo processo non escono solo suggestioni, ma fatti", che dimostrano come quella "stagione di terrorismo" abbia "mandanti esterni, moventi e precise causalità", la cui premessa fu una "trattativa tra Stato e mafia". Causalità, secondo le parti civili, "connesse al potere politico ed economico". Se non altro perché, "l'organizzazione di Cosa nostra è triangolare -ha aggiunto Ammannato- perché può vivere solo in collusione con potere politico ed economico, mentre le altre organizzazioni semplicemente criminali, come le Brigate rosse, possono durare 4, 5 anni e poi cessano quando lo Stato le combatte". Quanto alla politica, il sostegno della Dc sarebbe cessato nel 1992, con Tangentopoli, e dopo Salvatore Lima e Giulio Andreotti, la mafia avrebbe cercato sostegno dapprima nel ministro Nicola Mancino e poi nella nascente forza politica di Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri. Secondo le parti civili poi, dal processo trova conferma l'attendibilità di Gaspare Spatuzza: "ha dato un ulteriore apporto per la causale del processo -ha detto Ammannato- e la Corte di Assise va ringraziata perché ha fatto ammettere ulteriori documenti". Inoltre "Spatuzza è credibile e attendibile anche quando parla di altri fatti", in linea anche con le rivelazioni del pentito più importante del primo processo fiorentino, Salvatore Cangemi. Le indagini dunque dovranno andare avanti anche dopo la condanna di Tagliavia, ha concluso Ammannato, che ha ribadito: "la trattativa è un conto, il patto un altro, ma la trattativa tra Stato e mafia c'è stata, perché ce lo dice Cangemi prima, Spatuzza poi. Basta con in negazionismi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina