sabato 10 dicembre | 02:07
pubblicato il 06/feb/2015 10:00

Mafia, sigilli a Palermo al ristorante dei boss

Sequestrati beni per 10 milioni, nel mirino due imprenditori

Mafia, sigilli a Palermo al ristorante dei boss

Palermo (askanews) - Alle tavole di questo ristorante sedevano assieme i boss mafiosi per parlare di affari o per stringere accordi. I carabinieri del nucleo investigativo e del Gico della guardia di finanza di Palermo hanno messo i sigilli al locale Cucì, ex Bucatino , di via Principe di Villafranca. Sotto sequestro anche il bar/tabacchi Tabacco & caffè e il locale Jazz and Chocolate. Nel mirino due personaggi ritenuti vicini a Cosa Nostra. Il primo è Luigi Salerno, 68 anni, costruttore edile, affiliato alla famiglia di Porta Nuova, condannato in via definitiva per mafia ed estorsione a 9 anni. Il secondo destinatario del provvedimento è suo genero, Maurizio De Santis, 50 anni, arrestato nell'aprile dello scorso anno per l'estorsione ai danni della chef Bonetta Dell'Oglio, che gestiva il ristorante Cucì. In tutto sono stati sequestrati beni per 10 milioni di euro.

Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina