martedì 06 dicembre | 15:03
pubblicato il 28/ott/2014 15:35

Mafia, sequestro beni da 450 milioni a imprenditore palermitano

Sigilli a un noto villaggio turistico in provincia di Trapani

Mafia, sequestro beni da 450 milioni a imprenditore palermitano

Palermo (Askanews) - Ammonta a quasi 450 milioni di euro il patrimonio, comprendente un villaggio turistico e diverse società immobiliari, sequestrato dalla Dia all'imprenditore Calcedonio Di Giovanni, 76 anni, di Monreale, nel Palermitano.

Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Trapani, presieduta da Pietro Grillo. Secondo gli inquirenti, l'attività di Di Giovanni sarebbe stata intrecciata con i destini delle famiglie mafiose di Mazara del Vallo e l'imprenditore sarebbe stato in contatto con Vito Roberto Palizzolo, il finanziere che si è costruito una fortuna in Sudafrica e che viene considerato uno dei più abili riciclatori dei guadagni illeciti di Cosa Nostra.

Il colonnello Riccardo Sciuto, capo della Dia di Palermo. "Sul piano indiziario - ha spiegato - abbiamo cercato di illuminare la nascita e la crescita dei beni riconducibili a quest'imprenditore che ha avuto rapporti con cosche mafiose dell'area trapanese e mazarese e dell'area palermitana". Interessi comuni tra i due sono emersi soprattutto in merito al villaggio turistico Kartibubbo di Campobello di Mazara, dove si trovano 100 villette adesso sequestrate. Il resort era riconducibile a Palazzolo ma fu poi acquisito da Di Giovanni, che però in quel momento secondo l'accusa non disponeva di capitali leciti tali da giustificare quell operazione.

"Riteniamo che i comportamenti evidenziati - ha concluso Sciuto - nascondano degli accordi e quindi che Di Giovanni sia stato una sorta di filtro tra il mondo lecito e le cosche mafiose che hanno un interesse specifico a riciclare i propri capitali attraverso attività legali". Sono emersi, infine, legami anche tra l'imprenditore sotto indagine e Filippo Guttadauro, cognato del boss latitante di Castelvetrano Matteo Messina Denaro, oltre che con il commercialista Pino Mandalari, legato al capomafia dei corleonesi Totò Riina.

Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Cina: vino batte riso per prima volta nella storia
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni