martedì 24 gennaio | 04:34
pubblicato il 28/ott/2014 15:35

Mafia, sequestro beni da 450 milioni a imprenditore palermitano

Sigilli a un noto villaggio turistico in provincia di Trapani

Mafia, sequestro beni da 450 milioni a imprenditore palermitano

Palermo (Askanews) - Ammonta a quasi 450 milioni di euro il patrimonio, comprendente un villaggio turistico e diverse società immobiliari, sequestrato dalla Dia all'imprenditore Calcedonio Di Giovanni, 76 anni, di Monreale, nel Palermitano.

Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Trapani, presieduta da Pietro Grillo. Secondo gli inquirenti, l'attività di Di Giovanni sarebbe stata intrecciata con i destini delle famiglie mafiose di Mazara del Vallo e l'imprenditore sarebbe stato in contatto con Vito Roberto Palizzolo, il finanziere che si è costruito una fortuna in Sudafrica e che viene considerato uno dei più abili riciclatori dei guadagni illeciti di Cosa Nostra.

Il colonnello Riccardo Sciuto, capo della Dia di Palermo. "Sul piano indiziario - ha spiegato - abbiamo cercato di illuminare la nascita e la crescita dei beni riconducibili a quest'imprenditore che ha avuto rapporti con cosche mafiose dell'area trapanese e mazarese e dell'area palermitana". Interessi comuni tra i due sono emersi soprattutto in merito al villaggio turistico Kartibubbo di Campobello di Mazara, dove si trovano 100 villette adesso sequestrate. Il resort era riconducibile a Palazzolo ma fu poi acquisito da Di Giovanni, che però in quel momento secondo l'accusa non disponeva di capitali leciti tali da giustificare quell operazione.

"Riteniamo che i comportamenti evidenziati - ha concluso Sciuto - nascondano degli accordi e quindi che Di Giovanni sia stato una sorta di filtro tra il mondo lecito e le cosche mafiose che hanno un interesse specifico a riciclare i propri capitali attraverso attività legali". Sono emersi, infine, legami anche tra l'imprenditore sotto indagine e Filippo Guttadauro, cognato del boss latitante di Castelvetrano Matteo Messina Denaro, oltre che con il commercialista Pino Mandalari, legato al capomafia dei corleonesi Totò Riina.

Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4