sabato 10 dicembre | 18:06
pubblicato il 14/mar/2014 11:26

Mafia, sequestrati beni per 5 milioni a imprenditore di Palermo

Grazie a Cosa nostra, l'uomo ha ottenuto importanti appalti

Mafia, sequestrati beni per 5 milioni a imprenditore di Palermo

Palermo, (askanews) - 5 milioni di euro. A tanto ammonta il bottino sequestrato dalla Direzione Investigativa Antimafia di Palermo all'imprenditore Giuseppe Bordonaro, già sottoposto ad altri sequestri per 16 milioni di euro.Bordonaro a Palermo era diventato un punto di riferimento per la gestione di cave di pietra e per la produzione e vendita di calcestruzzo, grazie alla sua appartenenza a Cosa nostra. L'imprenditore faceva parte, infatti, del cosiddetto "metodo Siino" in base al quale Cosa nostra controllava il sistema degli appalti attraverso un "tavolino tecnico" diretto dal "ministro dei lavori pubblici" di Totò Riina, Angelo Siino. Lo spessore mafioso di Bordonaro, inoltre, è confermato da un "pizzino" trovato ai boss Lo Piccolo, in cui si fa riferimento all'imprenditore palermitano per un lavoro all'aeroporto. Condannato, in via definitiva nel 2007, a 4 anni e 6 mesi di reclusione, Bordonaro mise liquidazione tutte le sue società, salvo ricostituirle successivamente, intestandole ai due fratelli incensurati.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina