martedì 17 gennaio | 01:47
pubblicato il 21/ago/2013 19:17

Mafia: Rossi a governo, per Suvignano progetto su legalita'

(ASCA) - Firenze, 21 ago - Regione Toscana ed enti locali restano convinti della sostenibilita' del progetto per la gestione regionale dell'Azienda agricola Suvignano, confiscata alla criminalita' organizzata e ora messa in vendita per decisione della Agenzia nazionale per l'amministrazione dei beni sequestrati e confiscati. Lo affermano il presidente Enrico Rossi, il presidente della Provincia di Siena Simone Bezzini e il sindaco di Monteroni d'Arbia Jacopo Armini in una lettera inviata al presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta e al ministro dell'Interno Angelino Alfano.

Con la lettera Rossi e gli amministratori locali sottopongono nuovamente all'attenzione del governo la vicenda dell'Azienda agricola Suvignano (posta sotto confisca definitiva nel 2007) che di recente l'Agenzia nazionale per l'amministrazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalita' organizzata ha destinato alla vendita attraverso una gara ad evidenza pubblica. ''Negli anni scorsi - scrivono - a piu' riprese la Regione Toscana, con l'accordo della Provincia di Siena e del Comune di Monteroni d'Arbia (sul cui territorio si trovano i quasi 700 ettari e i 18 poderi che costituiscono il patrimonio aziendale) aveva manifestato l'interesse a che l'Azienda fosse trasferita al proprio patrimonio. Questa richiesta, su cui era stata interessata formalmente nell'ottobre del 2012 l'allora Ministro dell'Interno signora Anna Maria Cancellieri, era sostenuta da un progetto che prevedeva oltre alla valorizzazione dell'attivita' agricola e zootecnica anche l'organizzazione di attivita' e iniziative di alto valore sociale per la promozione della legalita' e di contrasto alle mafie. Regione ed enti locali non possono che prendere atto della decisione dell'Agenzia nazionale di mantenere l'Agricola Suvignano al patrimonio dello Stato e di procedere alla vendita.

Tuttavia vogliono riconfermare l'interesse della Regione, condiviso da istituzioni e associazioni del territorio interessato, a riprendere il progetto per la gestione regionale di questo bene, qualora la gara ad evidenza pubblica non avesse l'esito atteso''.

afe/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello