martedì 21 febbraio | 17:29
pubblicato il 09/gen/2015 13:08

Mafia, Provenzano resta al 41bis. Suo legale annuncia ricorso

L'intervista con Rosalba Di Gregorio, l'avvocato del "Padrino"

Mafia, Provenzano resta al 41bis. Suo legale annuncia ricorso

Palermo (askanews) - Bernardo Provenzano deve restare al 41 bis. A deciderlo è stato il Tribunale di sorveglianza di Roma che ha respinto la richiesta del legale del padrino, Rosalba Di Gregorio, di revocare il regime di carcere duro alla luce delle condizioni fisiche dell'ex capo corleonese.

"La ratio del 41bis - ha spiegato Di Gregorio - viene giustificata da esigenze di ordine pubblico e dall'impossibilità di mantenenre i rapporti tra il soggetto detenuto e l'esterno - ha detto Di Gregorio -. Visto che in questo caso Provenzano non è capace d'intendere e di volere, evidentemente in queste condizioni non si ritiene che possa veicolare alcunchè. Anche se emette suoni, essi non sono comprensibili. Dunque non c'è motivo di un regime differenziato".

L'avvocato Di Gregorio ha parlato di gravi violazioni dei diritti umani e ha già annunciato ricorso in Cassazione.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia