domenica 26 febbraio | 06:19
pubblicato il 10/mag/2013 17:13

Mafia: Procura Firenze chiede giudizio Riina per strage Rapido 904

Mafia: Procura Firenze chiede giudizio Riina per strage Rapido 904

(ASCA) - Firenze, 10 mag - La Procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio di Toto' Riina per il procedimento sulla strage del Rapido 904 che il 23 dicembre 1984 provoco' 16 morti esplodendo in una galleria dell'Appennino, tra il capoluogo toscano e Bologna. E' quanto confermano fonti legali.

La Procura di Firenze fu la prima a indagare sulla strage.

Sono stati poi i pm di Napoli a riaprire le indagini sulla base delle dichiarazioni di alcuni pentiti e il fascicolo e' stato trasferito a Firenze, su decisione della Cassazione. L'inchiesta fiorentina e' in mano al procuratore Giuseppe Quattrocchi e al magistrato della Dda Angela Pietroiusti. Secondo quanto riferiscono le fonti, l'esplosivo usato per il Rapido 904 sarebbe simile per composizione a quello impiegato dalla mafia per alcune delle stragi degli anni Novanta. afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech