domenica 26 febbraio | 06:25
pubblicato il 21/nov/2011 10:52

Mafia, parlano le figlie di Sebastiano Bosio: papà fu isolato

Il medico ucciso a Palermo perchè si oppose a Cosa Nostra

Mafia, parlano le figlie di Sebastiano Bosio: papà fu isolato

Sono passati trent'anni dal 6 novembre 1981, quando il professor Sebastiano Bosio, primario di Chirurgia Vascolare all'ospedale Civico, fu ucciso con quattro colpi di pistola in centro a Palermo. Un omicidio di Cosa nostra per punire un uomo che non riservava un trattamento particolare ai mafiosi, e sul quale non è stata fatta luce. A rompere il silenzio sono le figlie del medico, Liliana e Silvia, che alla vigilia del processo per l'omicidio, raccontano gli ultimi giorni prima della tragedia.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech