lunedì 05 dicembre | 09:28
pubblicato il 22/apr/2011 19:51

Mafia/ Palermo, ritrovati candelotti esplosivo a casa Ciancimino

Figlio ex sindaco nega d'aver falsificato documento su De Gennaro

Mafia/ Palermo, ritrovati candelotti esplosivo a casa Ciancimino

Palermo, 22 apr. (askanews) - Erano nascosti nel giardino della sua abitazione palermitana in via Torrearsa, in pieno centro, i candelotti di dinamite citati da Massimo Ciancimino nel corso dell'interrogatorio tenuto questo pomeriggio nel carcere di Parma davanti ai pm Antonio Ingroia, Nino Di Matteo e Paolo Guido. Il figlio dell'ex sindaco di Palermo, in cella da ieri mattina con l'accusa di calunnia aggravata, ha raccontato di aver ricevuto il pacco con l'esplosivo pochi giorni fa, ma di non aver voluto allarmare i suoi familiari denunciando l'episodio. Uscendo dal carcere di Parma, l'avvocato di Massimo Ciancimino, Francesca Russo, ha parlato della difficile condizione in cui si trova il suo assistito, che ha negato d'aver falsificato il documento consegnato ai magistrati che indagano sulla presunta trattativa tra Stato e mafia, in cui sarebbe stato apposto artificialmente il nome dell'ex capo della polizia Gianni De Gennaro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari