mercoledì 22 febbraio | 16:53
pubblicato il 27/feb/2013 12:00

Mafia/ Palermo, chiesero il pizzo a ristoratore: 4 arresti

L'imprenditore ha denunciato tutto ai militari

Mafia/ Palermo, chiesero il pizzo a ristoratore: 4 arresti

Palermo, 27 feb. (askanews) - I carabinieri di Palermo hanno arrestato quattro persone accusate di aver chiesto il pizzo dal titolare di un'azienda di ristorazione e catering. Le ordinanze di custodia, emesse dal gip del capoluogo siciliano su richiesta della Dda, hanno riguardato quattro presunti affiliati a Cosa Nostra, e sono scattate a seguito delle indagini nate dalla denuncia dell'imprenditore. In particolare, il commerciante ha raccontato di essere stato contattato lo scorso marzo dagli esattori, i quali gli avrebbero contestato di aver avviato l'attività commerciale senza prima aver chiesto "l'autorizzazione" alle cosche, e di non aver "messo a posto", saldato economicamente, la sua situazione. Per gli arrestati, che avrebbero preteso 2mila euro a Pasqua e a Natale per il sostentamento delle famiglie dei detenuti, l'accusa è di tentata estorsione aggravata dalle finalità mafiose.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Chiesa
Presunti festini gay a Napoli, il card. Sepe sospende sacerdote
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe