venerdì 02 dicembre | 21:29
pubblicato il 29/lug/2011 09:50

Mafia/ Palermo, 28 anni fa l'omicidio Chinnici, padre del "pool"

Nella strage morirono due carabinieri scorta e portiere palazzo

Mafia/ Palermo, 28 anni fa l'omicidio Chinnici, padre del "pool"

Palermo, 29 lug. (askanews) - Ventotto anni fa, la mattina del 29 luglio 1983, un'autobomba uccideva a Palermo il giudice Rocco Chinnici, i due carabinieri di scorta, Mario Trapassi e Salvatore Bartolotta, e il portiere dello stabile dove il viveva il magistrato, Stefano Li Sacchi. Nato a Misilmeri in provincia di Palermo nel 1925, Rocco Chinnici era arrivato all'Ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo nel maggio del 1966, come giudice istruttore. Il suo grande fiuto nelle indagini di mafia lo portarono ad essere tra i primi ad intuire la necessità di seguire i percorsi economici degli affari illeciti, per risalire alle dinamiche interne a Cosa nostra. Così come l'importanza di privare l'organizzazione delle sue risorse patrimoniali per infliggerle dei colpi efficaci. Tra le innovazioni rivoluzionarie di Chinnici, spicca certamente anche quella dell'allestimento di una squadra di magistrati che si occupasse a tempo pieno di Cosa nostra: fu così che nacque il "pool antimafia", del quale fecero parte Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Leonardo Guarnotta e Giuseppe Di Lello. I successi del pool, come l'esito del Maxiprocesso, concluso nel dicembre 1987 con 360 condanne, 19 ergastoli e 2665 anni di carcere, furono dunque il frutto del lavoro che Rocco Chinnici aveva avviato anni prima; ma che non poté vedere a causa di una Fiat 127 imbottita di esplosivo, che davanti alla sua abitazione in via Pipitone Federico lo uccise insieme ad altre tre persone. Per l'omicidio del giudice Chinnici, il 24 giugno 2002 la Corte d'appello di Caltanissetta, dopo un iter giudiziario iniziato sette anni prima, ha confermato gli ergastoli per 12 affiliati a Cosa nostra considerati responsabili della strage. La sentenza ha dato ragione alla tesi dell'accusa secondo cui l'omicidio di Rocco Chinnici fu chiesta da Nino e Ignazio Salvo, gli "esattori" di Cosa nostra. A premere il tasto del detonatore che provocò l'esplosione fu Pino Greco della famiglia mafiosa di Ciaculli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari