sabato 03 dicembre | 06:09
pubblicato il 27/mar/2014 09:40

Mafia: nuovo indentikit di Matteo Messina Denaro. Svolta per 'la caccia'

Mafia: nuovo indentikit di Matteo Messina Denaro. Svolta per 'la caccia'

(ASCA) - Roma, 27 mar 2014 - C'e' un nuovo identikit del boss mafioso, Matteo Messina Denaro, super latitante dal 1993. Lo mostra il quotidiano La Repubblica riferendo che ''il 'ritratto' e' stato ultimato qualche settimana fa dagli investigatori della Finanza di Palermo e il procuratore aggiuto Principato l'ha trasmesso a tutte le squadre impegnate nella grande caccia: Ros dei carabinieri, Sco della polizia, Dia''.

Viso gonfio, la fronte ampia e stempiata, capelli e occhi scuri, labbra sottili e naso pronunciato. Cosi' appare il boss in questo disegno realizzato dai finanzieri del Gico che rappresenta ''una svolta nell'inchiesta'' poiche' ''non e' una rielaborazione al computer'', ma ''un identikit vero, proveniente da precise indicazioni di chi lo conosce bene e lo incontra'', sottolinea il quotidiano. Precisando che sulle fonti degli inquirenti ''c'e' segretezza assoluta''. red-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari