venerdì 20 gennaio | 07:09
pubblicato il 27/giu/2013 12:00

Mafia/ Miccoli in lacrime, "non sono un mafioso"

Ex capitano dei rosanero parla delle intercettazioni su Falcone

Mafia/ Miccoli in lacrime, "non sono un mafioso"

Palermo, 27 giu. (askanews) - Chiede scusa, davanti alla stampa, Fabrizio Miccoli: a tutti: a Palermo, alla famiglia. E in lacrime dice, "sono andato via di casa a 12 anni per fare il calciatore". "Ho cercato in questi sei anni di essere amico spontaneo con tutti, senza pensare magari a cosa andavo incontro". "Sono tre giorni che non riesco a dormire perché sono uscite cose che non penso assolutamente" ha detto con la voce spezzata. "E l'ho dimostrato con i fatti, al di là della generosità che ho sempre avuto. Sono qua a prendermi le mie responsabilità e chiedere scusa a tutta la città di Palermo. A chiedere scusa alla mia famiglia che mi ha fatto crescere in un contesto di valori, di rispetto". Il giorno dopo l'interrogatorio "fiume" durato 5 ore davanti ai magistrati che a Palermo lo accusano di estorsione e accesso abusivo al sistema informatico, l'ormai ex capitano del Palermo ha incontrato la stampa per chiarire le sue posizioni soprattutto relativamente a delle intercettazioni in cui, parlando con un suo amico figlio di un boss di Cosa nostra, il giocatore definiva "fango" Giovanni Falcone. "Sono vent'anni che faccio questo lavoro - ha detto Miccoli -. Sono andato via da casa a 12 anni per fare quello che ho sempre voluto fare nella vita, cioè il calciatore. Sono un padre di famiglia, ho due bambini, e li vorrei fare crescere nella massima legalità, come sono cresciuto io. Perché io sono un calciatore, e non sono un mafioso. Sono contrarie tutte quelle che sono i pensieri della mafia e ho cercato in questi sei anni di essere amico spontaneo con tutti, senza pensare magari a cosa andavo incontro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale