sabato 25 febbraio | 19:54
pubblicato il 25/ott/2011 18:32

Mafia, Lo Verso: Provenzano libero in cambio voti a Forza Italia

La deposizione del neopentito a Palermo nel processo Mori

Mafia, Lo Verso: Provenzano libero in cambio voti a Forza Italia

"Gli accordi tra Provenzano e Dell'Utri prevedevano che lui restasse sempre libero. E di contro garantiva voti a Forza Italia", e ancora "le stragi furono un favore ad Andreotti, perché Falcone e Borsellino avevano individuato il rapporto tra mafia e politica". Sono alcune delle dichiarazioni del neopentito Stefano Lo Verso durante la deposizione a Palermo al processo nei confronti del generale del Ros Mario Mori e al colonnello Mauro Obinu accusati di favoreggiamento aggravato a Cosa nostra. Lo Verso è stato per 13 anni al servizio della cosca Ficarazzi e a stretto contatto col boss Bernardo Provenzano, come spiega il pubblico ministero Nino Di Matteo.I legali di Dell'Utri parlano di dichiarazioni calunniose che tentato di coinvolgere il senatore in vicende politico-mafiose "autorevolmente escluse - si legge in una nota - anche dalla recente sentenza emessa dalla Corte di Appello di Palermo"

Gli articoli più letti
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech