domenica 11 dicembre | 15:26
pubblicato il 05/feb/2013 13:24

Mafia, la Dia sequestra 3 mln di beni appartenuti a boss deceduto

Confiscati agli eredi della famiglia di Antonino Porcelli

Mafia, la Dia sequestra 3 mln di beni appartenuti a boss deceduto

Palermo, (askanews) - Terreni, immobili e conti correnti per un valore di oltre tre milioni di euro sono stati confiscati ai parenti di un boss di "Cosa nostra". La Direzione investigativa antimafia di Palermo ha colpito i beni riconducibili al capomafia di "Partanna Mondello" Antonino Porcelli, morto a 79 anni nel 2012. Pluripregiudicato, componente di rilievo fin dagli anni 60 della "famiglia" mafiosa di "Partanna Mondello-Pallavicino", era uomo di fiducia di Rosario Riccobono, ucciso con il metodo della "lupara bianca" nel 1982, nel corso della cosiddetta "guerra di mafia". Dopo la scomparsa di Riccobono fu proprio Porcelli a sostituirlo in seno a quella "famiglia" mafiosa, assumendone il ruolo apicale di reggente.Coinvolto anche nell'omicidio di Salvo Lima, Porcelli è stato negli anni destinatario di numerosi provvedimenti restrittivi per associazione per delinquere di stampo mafioso, omicidio, traffico di stupefacenti ed altro. Condannato all'ergastolo, è morto subito dopo essere stato scarcerato per gravissimi motivi di salute nel settembre del 2012.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina