sabato 03 dicembre | 23:35
pubblicato il 04/nov/2012 16:06

Mafia, Ingroia: "Rifarei tutto così come l'ho fatto"

"Guardando il mio passato non trovo errori gravi"

Mafia, Ingroia: "Rifarei tutto così come l'ho fatto"

Palermo, (askanews) - Con un applauso si chiude un'epoca. Il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia lascia il suo posto in Sicilia e martedì 6 novembre parte per il Guatemala dove guiderà la Commissione contro l'impunità. Guardandosi indietro non rinnega nulla come ha detto ai giornalisti che gli hanno chiesto un bilancio sui suoi vent'anni di lavoro nella Procura palermitana."Purtroppo sono un po' presuntuoso. Quindi non trovo degli errori gravi che possa aver fatto in passato. So di non essere infallibile, di non essere immune da errori, ma ripensandoci rifarei tutto come l'ho fatto".Per quanto riguarda il futuro Antonio Ingroia, definisce "indiscrezioni giornalistiche" le voci di una sua candidatura alle prossime elezioni con il Movimento 5 stelle."Non c'é nulla di concreto e quindi non sto neanche a smentire mere ricostruzioni giornalistiche".A chi chiede chi possa essere un suo ipotetico "delfino", Ingroia ha risposto: "Delfini non ce ne sono - ha detto -. Ci sono tanti colleghi che hanno operato secondo la mia stessa scuola che poi è quella di Falcone e Borsellino".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari