domenica 11 dicembre | 12:51
pubblicato il 28/apr/2014 12:54

Mafia, ditta sequestrata per mafia: tre in manette a Borgetto

Accusati di essere i prestanome del titolare dell'azienza

Mafia, ditta sequestrata per mafia: tre in manette a Borgetto

Roma, (askanews) - Intestazione fittizia di beni con l'obiettivo di eludere le misure di prevenzione patrimoniale: con questa accusa i carabinieri di Palermo hanno arrestato tre persone che fungevano da prestanome del titolare di un'azienda sequestrata per mafia a Borgetto, in provincia di Palermo. L'azienda è l'Euro Calcestruzzi Snc, del valore di 400mila euro.L'inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, è scattata nel 2012 e ha coinvolto una quarantina di militari.In manette sono finiti Benedetto Valenza e i suoi due prestanome, Filippo Scrozzo e Giuseppe Giaimo. Valenza, imprenditore di Borgetto, è figlio di Salvatore e nipote di Erasmo, esponenti di vertice della famiglia mafiosa della città, vittime di lupara bianca legati al gruppo di Gaetano Badalamenti.L'indagine, denominata Benny 3, è scattata quando i carabinieri della compagnia di Partinico hanno percepito che Valenza avesse ricominciato ad occuparsi della fornitura di calcestruzzo attraverso un nuovo impianto ma l'attività, formalmente intestata a Filippo Scrozzo, era di fatto gestita da Valenza.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina