lunedì 23 gennaio | 22:40
pubblicato il 22/mag/2013 12:00

Mafia/ Dia sequestra beni per 25 milioni a imprenditore surgelati

Traffico mafioso illecito in frode a fondi europei e fisco

Mafia/ Dia sequestra beni per 25 milioni a imprenditore surgelati

Palermo, 22 mag. (askanews) - Il Centro Operativo di Palermo, su iniziativa del Direttore della Dia Arturo De Felice avviata nello scorso dicembre, ha eseguito un sequestro di un' azienda di surgelati e beni mobili e immobili per un valore di oltre 25 milioni di euro, disposto dal Tribunale di Palermo. Il provvedimento, che rientra nel quadro delle attività istituzionali tese all'aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati dalle organizzazioni criminali, ha colpito l'imprenditore palermitano Salvatore Vetrano, 42 anni, nei confronti del quale sono stati acquisiti elementi che lo hanno fatto ritenere un collettore degli interessi mafiosi nel commercio di prodotti surgelati, gestito anche tramite familiari. Tra i beni oggetto del sequestro ci sono sette aziende, tra cui la "Veragel srl" di Carini, due veicoli di grossa cilindrata, due imbarcazioni da diporto di oltre 20 metri, 20 immobili, costituiti da appartamenti, magazzini e terreni ubicati in Palermo, Carini, Trabia, Marsala e Sciacca, rapporti bancari ed assicurativi, il Ristorante "L'Orca", sito nella località balneare palermitana di Isola delle Femmine. La Direzione Investigativa Antimafia di Palermo ha accertato ed evidenziato nella proposta avanzata dal Direttore della Dia come Vetrano ha acquisito un consistente patrimonio immobiliare ed ha costituito numerose aziende, operanti nel settore del commercio di prodotti alimentari, anche beneficiando di finanziamenti comunitari erogati dal Fondo Europeo per la pesca in Sicilia, nonché sottraendo a tassazione ingenti ricavi imponibili, frutto della propria attività commerciale. Vetrano, come suo padre Gaicomo, sin dal 1999 sono stati oggetto di provveddimenti giudiziari cautelari per i legami fra le loro attività commerciali ed elementi di spicco di spicco di Cosa Nostra, fra i quali il figlio di Totò Riina, Giuseppe e Gianfranco Puccio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4