lunedì 27 febbraio | 17:28
pubblicato il 02/feb/2011 16:00

Mafia/ Cuffaro in carcere si iscrive a Giurisprudenza

Palazzo Madama oggi vota le sue dimissioni da senatore

Mafia/ Cuffaro in carcere si iscrive a Giurisprudenza

Palermo, 2 feb. (askanews) - Trascorrerà la sua detenzione studiando legge l'ex presidente della Regione Siciliana Salvatore Cuffaro, rinchiuso da due settimane nel carcere romano di Rebibbia dopo essere stato condannato in via definitiva a sette anni per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra. L'ex governatore siciliano, come si legge in un articolo apparso oggi sull'edizione locale de La Repubblica, si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza "per tenersi impegnato", e potrà affrontare gli esami all'interno del penitenziario stesso. Già medico radiologo, Salvatore Cuffaro avrebbe anche presentato domanda per poter svolgere attività lavorativa all'interno del penitenziario. Intanto oggi a palazzo Madama, sono state messe al voto, e quindi ufficializzate, le sue dimissioni da senatore del Pid: l'aula del Senato le ha accettate con 230 sì, 25 i no e 17 astenuti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech