lunedì 05 dicembre | 16:16
pubblicato il 05/giu/2014 08:51

Mafia, colpo al mandamento di Provenzano a Bagheria

A Palermo 31 arresti dei carabinieri. C'è un nuovo direttorio

Mafia, colpo al mandamento di Provenzano a Bagheria

Palermo, (askanews) - Un durissimo colpo al mandamento mafioso di Bagheria, storica roccaforte di Bernardo Provenzano. E' quello inferto dai carabinieri di Palermo che hanno eseguito 31 provvedimenti di fermo che hanno interessato storici capi clan e singoli capi famiglia, tra cui quelli appunto di Bagheria e Villabate, Ficarazzi e Altavilla Milicia oltre a diversi altri esponenti di spicco di Cosa nostra.L operazione, denominata "Reset", ha visto l'impiego di circa 500 militari. I provvedimenti di fermo sono stati emessi dalla Dda, che ha coordinato l'indagine. Le accuse nei confronti dei fermati sono, a vario titolo, di associazione mafiosa, omicidio, sequestro di persona, estorsione, rapina, detenzione illecita di armi da fuoco e danneggiamento a seguito di incendio.Quello di Bagheria rappresenta da sempre uno dei mandamenti strategici sullo scacchiere di Cosa nostra siciliana. I magistrati hanno fatto luce sui nuovi assetti interni all'organizzazione, individuando una struttura, il direttorio, dal cui capo partivano tutte le decisioni e al quale doveva obbedire anche il reggente del mandamento.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari