sabato 03 dicembre | 11:14
pubblicato il 23/apr/2011 21:15

Mafia/ Colpo a Sacra Corona Unita, arrestato boss Campana

Latitante da un anno, è considerato numero uno organizzazione

Mafia/ Colpo a Sacra Corona Unita, arrestato boss Campana

Taranto, 23 apr. (askanews) - Si era sistemato in un appartamento nel centro storico di Oria insieme con la sua compagna. Ed è proprio seguendo i movimenti della donna, Lucia Monteforte, brindisina di 43 anni denunciata per favoreggiamento, che i poliziotti della Squadra Mobile di Brindisi sono riusciti a rintracciare ed arrestare Francesco Campana, 38 anni di Mesagne, considerato il numero uno della Sacra corona unita, un'organizzazione mafiosa attiva in Puglia. Campana non ha opposto alcuna resistenza e si è complimentato con gli agenti spiegando loro che gli sembrava di essere diventato il protagonista di una puntata della serie televisiva "Squadra antimafia 3". Nato a Mesagne nel 1973, Campana si era affermato nel mondo della mala per il contrabbando di sigarette. Al suo attivo c'è una condanna definitiva in Cassazione a nove anni di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso e traffico di stupefacenti e altre condanne in primo grado prossime all'Appello. Nei suoi confronti, a fine dicembre scorso, era stata emessa anche una ordinanza di custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'operazione "Last Minute". Francesco Campana era latitante dal 2010. Già nel 2000, non ancora trentenne, era considerato il boss della Sacra corona unita. In tutti questi anni, non aveva mai smesso i contatti con i capi storici della Scu, Pino Rogoli e Salvatore Buccarella. Personaggio eclettico, amante delle belle donne e con il culto del corpo, il boss 38enne ha dimostrato anche di essere uomo di cultura quando, dal carcere di Alessandria in cui era detenuto per reati di mafia, scrisse due lettere indirizzate a Rogoli e al fratello Antonio, citando brani di Seneca e Orazio Flacco. Le missive furono sequestrate perché gli inquirenti sospettarono si trattasse di messaggi in codice per far passare gli ordini dal penitenziario. Secondo la Dda di Lecce, che ha coordinato il lavoro della Polizia, Campana era la mente di bande di malviventi che per anni hanno taglieggiato commercianti e imprenditori non esitando a compiere attentati per dimostrare la loro supremazia criminale. Quello di oggi è un colpo definitivo alla Scu, come ha sottolineato il questore di Brindisi Vincenzo Carella. Per l'arresto di Campana, al capo della Polizia Antonio Manganelli sono arrivati i complimenti del ministro dell'Interno Roberto Maroni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari