lunedì 20 febbraio | 02:53
pubblicato il 19/ott/2013 13:29

Mafia: Coldiretti/Eurispes, business rifiuti vola a 3,9 mld

Mafia: Coldiretti/Eurispes, business rifiuti vola a 3,9 mld

(ASCA) - Roma, 19 ott - L'accaparramento di terreni agricoli serve anche a coprire il business criminale dei rifiuti che sviluppa un fatturato illegale che ha raggiunto quasi 3,9 miliardi, tra rifiuti speciali e' urbani, con oltre cinquemila reati accertati nel 2012. E' quanto emerge da una analisi dell'Indagine Coldiretti/IXE'in occasione della presentazione del Rapporto ''Agromafie'', elaborato insieme ad Eurispes, al Forum Internazionale dell'Agricoltura e dell'Alimentazione a Cernobbio. Il fenomeno piu' preoccupante - sottolinea Coldiretti - e' rappresentato dall'utilizzo delle campagne per lo smaltimento illegale di rifiuti, dai fanghi industriali alle sostanze tossiche. Le imprese criminali si impadroniscono dei terreni destinati alla produzione di cibo e li utilizzano come vere e proprie discariche. I campi vengono cosi' contaminati spesso in maniera irreversibile, con gravi rischi per l'ambiente, ma anche per la salute delle persone poiche' mafia e camorra, al fine di coprire l'attivita' di smaltimento illecito, continuano la coltivazione di ortaggi o altri prodotti.

L'ultima emergenza e' scoppiata nella Terra dei Fuochi, l'area campana tra le province di Napoli e Caserta devastata ormai da anni dai roghi dei rifiuti tossici e dall'interramento di ogni genere di sostanza nocive, con ripercussioni per l'ambiente, per la salute degli abitanti ma anche per le attivita' produttive di tutta la regione, vittime del diffondersi di psicosi che rischiano di minare il settore agricolo campano. Una situazione rispetto alla quale - sottolinea la Coldiretti - occorre fare immediatamente chiarezza con la mappatura dei siti realmente inquinati. Gli agricoltori sono pronti a chiedere il risarcimento danni per il pesante danno economico e di immagine che sta colpendo le aziende. Ma la contaminazione dei suoli e' un problema che interessa ormai l'intero Paese - continua la Coldiretti - con ben 725.000 ettari di aree gravemente inquinate, una superficie grande poco meno del Friuli Venezia Giulia. A guidare la classifica delle regioni con la maggior percentuale di siti inquinati rispetto alla superficie totale e' la Campania, con il 18 per cento del suo territorio da bonificare, davanti a Sardegna, Lazio e Piemonte. Secondo il rapporto Agromafie, si tratta di zone industriali e di altro genere che sono state spesso sottratte all'uso agricolo, tanto che nel giro di vent'anni sono scomparsi 4,4 milioni di ettari di campagna, oltre un terzo della superficie agricola attuale, secondo un'analisi Coldiretti su dati Istat. Un fenomeno - conclude la Coldiretti - determinato dalla cementificazione selvaggia, ma anche della crescita della presenza della criminalita' organizzata nelle strategie di utilizzazione del suolo.

com-rba

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia