venerdì 09 dicembre | 21:04
pubblicato il 20/feb/2014 11:19

Mafia: Coldiretti, nel 2013 fatturato da 14 mld in agricoltura. Bene Dia

(ASCA) - Roma, 20 feb 2014 - Il volume d'affari complessivo dell'agromafia e' salito a circa 14 miliardi di euro nel 2013, con un aumento record del 12 per cento rispetto a due anni fa, in netta controtendenza rispetto alla fase recessiva del Paese perche' la criminalita' organizzata trova terreno fertile proprio nel tessuto economico indebolito dalla crisi.

E' quanto afferma in una nota la Coldiretti nel commentare positivamente l'operazione della Dia che ha portato alla luce le rilevanti attivita'' economiche dell'organizzazione mafiosa facente capo al clan dei Galatolo, legate al mercato ortofrutticolo e al suo indotto. ''Un'operazione che conferma come la criminalita', sia attiva dall'intermediazione dei prodotti alimentari al trasporto, dallo stoccaggio nei mercati fino all'acquisto e all'investimento nei centri commerciali, con pericolosi effetti sulle tasche degli italiani e sul reddito delle imprese agricole, con rincari anomali dei prezzi e aumento dei costi'', afferma il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo. Il quale sottolinea che ''l'impegno per la legalita' contro le agromafie significa difendere una parte importante del lavoro, dell'economia e del Made in Italy, ma anche la salute dei cittadini''. Un'indagine conoscitiva dell'Antitrust - precisa Coldiretti - ha evidenziato che i prezzi per l'ortofrutta moltiplicano in media di tre volte dalla produzione al consumo, ma i ricarichi variano del 77 per cento nel caso di filiera cortissima (acquisto diretto dal produttore da parte del distributore al dettaglio), del 103 cento nel caso di un intermediario, del 290 per cento nel caso di due intermediari, fino al 294 per cento per la filiera lunga (presenza di 3 o 4 intermediari tra produttore e distributore finale). La moltiplicazione delle intermediazioni, l'imposizione di servizi di trasporto e logistica, il monopolio negli acquisti dai produttori agricoli provocano non solo l'effetto di un crollo dei prezzi pagati agli imprenditori agricoli, che in molti casi non arrivano a coprire i costi di produzione, ma anche - puntualizza la Coldiretti - un ricarico anomalo dei prezzi al consumo che raggiungono livelli tali da determinare un contenimento degli acquisti.

com-stt/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina