martedì 06 dicembre | 13:23
pubblicato il 19/apr/2011 16:45

Mafia/ Cassazione: accertati contatti tra Cuffaro e Cosa Nostra

Motivazioni della sentenza di condanna del 22 gennaio scorso

Mafia/ Cassazione: accertati contatti tra Cuffaro e Cosa Nostra

Roma, 19 apr. (askanews) - Fra l'ex governatore della Sicilia, Salvatore Cuffaro, e "vari esponenti" di Cosa Nostra, ci furono ripetuti contatti. Lo ha messo nero su bianco la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 15583 di oggi, ha reso noti i motivi della condanna inflitta all'ex Governatore della Sicilia nell'udienza del 22 gennaio scorso. Il che "spiega", continuano i giudici, secondo quanto riportato dal sito Cassazione.net, quale sia stato "l'atteggiamento psichico" dello stesso Cuffaro nel rivelare al boss di Brancaccio, Guttadauro, "con il quale aveva stipulato un accordo politico mafioso", la notizia che c'erano indagini sul capomandamento. La motivazione sul ruolo di Cuffaro si compone di circa 80 pagine, mentre l'intera sentenza della seconda sezione penale si estende per 215 pagine e comprende anche le posizioni degli altri 10 coindagati. I supremi giudici sottolineano che, in maniera del tutto corretta, argomentata e riscontrata, i giudici della corte di appello di Palermo - con la sentenza emessa il 23 gennaio 2010, che ha innalzato da cinque a sette anni la condanna a Cuffaro con l'accusa di mafia - hanno provato l'esistenza dell'accordo "politico mafioso" tra il capomandamento Guttadauro Giuseppe e l'uomo politico Cuffaro Salvatore e la consapevolezza di quest'ultimo di agevolare l'associazione mafiosa, inserendo nella lista elettorale per le elezioni siciliane del 2001 persone gradite ai boss e rivelando, in piu' occasioni, a personaggi mafiosi l'esistenza di indagini in corso nei loro confronti. La Cassazione ricorda che Guttadauro stringe l'accordo con il Cuffaro, mediato dal portavoce Miceli, "proponendo all'uomo politico, che accetta (e inserisce nella lista) la candidatura alle elezioni regionali del Miceli, mobilitando l'intera famiglia mafiosa per le consultazioni, al fine di ottenere il sostegno per un ridimensionamento del regime carcerario del 41 bis, per il controllo dei flussi della spesa pubblica e per il condizionamento delle attivita' economiche sul territorio, tutti interessi dell'associazione mafiosa che Miceli si era impegnato a realizzare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
Pakistan, sta morendo avvelenato il più grande lago del paese
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni