venerdì 02 dicembre | 19:21
pubblicato il 02/nov/2011 17:31

Mafia/ Arrestato il latitante Miucci, prese posto di Li Bergolis

Nel barese, era in un covo a Monte Sant'Angelo

Mafia/ Arrestato il latitante Miucci, prese posto di Li Bergolis

Roma, 2 nov. (askanews) - E' stato arrestato nel covo in cui si nascondeva - un armadio con un doppio fondo nella stanza dei suoi bambini - a Monte Sant'Angelo Enzo Miucci, 27 anni, di Manfredonia, detto Renzino, ma conosciuto nell'ambiente della 'mafia del Gargano' come "u' creatur" forse perché fin da ragazzino si era messo al servizio del boss, suo parente, Franco Li Bergolis, 33 anni di Monte Sant'Angelo, detto "u calcarul", diventandone prima uno dei fedelissimi, poi il suo braccio destro e ora, dopo la cattura del capo avvenuta il 26 settembre 2010, il suo sostituto. Per questo Miucci aveva deciso, sebbene ricercato da due anni, di restare nel quartier generale della mafia del Gargano proprio per mantenere le fila dell'organizzazione criminale di stampo mafioso, fortemente indebolita non solo dalla cattura del boss Li Bergolis, ma anche del boss emergente del clan Li Bergolis, Giuseppe Pacilli, detto "Beppe u' montanar", avvenuta il 13 maggio scorso, in una masseria nei boschi sempre di Monte Sant'Angelo. Miucci è stato arrestato il 31 ottobre a casa sua, dai carabinieri del Ros e del nucleo investigativo di Foggia, coordinati dalla procura distrettuale antimafia di Bari. Dopo la sua scomparsa, avvenuta il 30 maggio del 2009, la sua famiglia aveva lasciato Manfredonia e si era trasferita a Monte Sant'Angelo. "A conferma - spiegano i carabinieri - di come il paese venga considerato il posto più sicuro per i latitanti e per le loro famiglie: qui i boss, i loro parenti e i loro più stretti collaboratori possono, con ogni probabilità, godere di una rete di protezione non possibile in altre zone del Gargano, che sono sotto l'influenza del clan Li Bergolis". Miucci si nascondeva nella stanza dei suoi bambini, nell'armadio, dove aveva ricavato un doppio fondo in cui si nascondeva ogni volta che le "sentinelle" appostate intorno alla sua abitazione lo avvisavano dei controlli delle forze dell'ordine. L'altra sera, però, i controlli sono stati più minuziosi e Miucci si è consegnato ai militari del Ros senza fare resistenza. In casa sono stati sequestrati anche una trentina di cartucce di vario calibro per pistola, uno scanner rilevatore di frequenze radio elettroniche, un binocolo utilizzato per controllare le vie di accesso alla sua abitazione e denaro in contante per circa seimila euro possibile provento dell'attività di estorsione e della vendita di sostanze stupefacenti. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari