sabato 25 febbraio | 15:15
pubblicato il 14/mag/2014 17:28

Madre Franceschi, morto in carcere francese: Stato sia presente

Cira Antignano chiede partecipazione a processo di Settembre

Madre Franceschi, morto in carcere francese: Stato sia presente

Viareggio (askanews) - Cira Antignano chiede che lo Stato italiano la sostenga nella battaglia che finora ha affrontato da sola per suo figlio, Daniele Franceschi, il giovane viareggino morto il 25 agosto del 2010, in circostanze mai chiarite durante la sua detenzione nel carcere francese di Grasse. Il 17 e 18 settembre si terranno, a Grasse, le prime due udienze per il processo a carico di due infermieri, Sthephanie Colonna e Francoise Boselli, e il medico del carcere, Jean Paule Estrade. "Delle autorità italiane non si è mai visto nessuno e non mi ha mai chiamato nessuno, ora cercherò di chiamare Farnesina che vengano almeno un giorno a processo per far vedere che governo italiano fa qualcosa. Secondo la magistratura francese, i tre imputati non sarebbero intervenuti con efficacia per il malore che aveva colpito Daniele Franceschi. "Processo dovrebbe andare tutto bene ci sono indagati c'è anche guardia carceraria e quindi speriamo in bene".

Gli articoli più letti
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech