martedì 06 dicembre | 02:42
pubblicato il 28/dic/2011 20:48

Lucca, intrusi nello yacht di Moratti: cenano e se ne vanno

Nessun danno all'imbarcazione, rubata solo cassetta attrezzi

Lucca, intrusi nello yacht di Moratti: cenano e se ne vanno

Firenze, 28 dic. (askanews) - La notte tra il 26 e il 27 dicembre, un gruppo di persone si è intrufolato nello yacht del patron dell'Inter, Massimo Moratti, ormeggiato a Viareggio, nei pressi del cantiere Del Carlo. Vi hanno tenuto un vero e proprio cenone, forse senza sapere a chi appartiene quell'imbarcazione lunga 22 metri. In Versilia, Moratti possiede una villa a Viareggio e un'altra a Forte dei Marmi. Ad accorgersi di quanto era accaduto, i marinai, che hanno sporto denuncia al comando locale dei carabinieri. Nulla da segnalare, né danni né furti: è sparita una cassetta degli attrezzi. Evidenti comunque le tracce della notte precedente. Tutto è stato lasciato dagli auto-invitati, senza curarsi di sparecchiare o di svuotare i posacenere. Le conseguenze della bravata non finiscono qui, sul caso lavorano anche i Ris.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari