lunedì 20 febbraio | 03:30
pubblicato il 24/lug/2013 12:00

Lucca, finisce in carcere il medico della crociata pro cannabis

Coltivava 270 piante. A giugno era finito ai domiciliari

Lucca, finisce in carcere il medico della crociata pro cannabis

Firenze, 24 lug. (askanews) - Dopo essere finito agli arresti domiciliari per due volte, la sua crociata per l'uso della marijuana a fini terapeutici, l'ha ora portato in carcere. Fabrizio Cinquini, 50 anni, medico specializzato in chirurgia vascolare, e già al reparto di emergenza territoriale a Viareggio, sarà processato l'8 agosto, per i reati di coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri erano già intervenuti nel giardino della sua abitazione di Pietrasanta lo scorso 14 giugno, poco più di un mese dopo. Il medico coltivava 270 piante di marijuana e un'ingente quantità era in essiccazione. Adesso si trova nel carcere di San Giorgio a Lucca. Nel 2007, sempre i carabinieri, avevano trovato nella sua abitazione 1167 bustine di semi, accompagante da indicazioni terapeutiche (ad esempio, contro l'anoressia) e controindicazioni (possibili crisi paranoidee reversibili).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia