lunedì 05 dicembre | 09:54
pubblicato il 16/ott/2013 17:19

L.Stabilita': Assogenerici, scongiurati tagli ma SSN va razionalizzato

(ASCA) - Roma, 16 ott - ''E' doveroso esprimere apprezzamento per il Governo e per il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin per quella che ci auguriamo sia un'inversione di tendenza rispetto alla politica dei tagli lineari. Tuttavia, come in queste ore in molti hanno detto, e' il momento di riqualificare i meccanismi di spesa, a cominciare dal settore degli equivalenti'' : lo dichiara Enrique Hausermann, presidente di AssoGenerici. ''Mi riferisco innanzitutto alla questione del pay-back in caso di sfondamento del tetto programmato, sia per la spesa ospedaliera sia per quella territoriale. Per quest'ultima, non e' accettabile che vengano chiamati al rimborso i produttori di generici, farmaci la cui sola presenza sul mercato consente ogni anno alle Regioni di risparmiare centinaia di milioni di euro: e infatti in nessun paese europeo i generici sono tenuti al pay-back. Anche perche', detto in altri termini, sarebbe come voler far pagare all'industria il fatto che ogni anno aumenta il numero degli ipertesi o dei cardiopatici in trattamento.

Nel caso della spesa ospedaliera, poi, e' assurdo che lo Stato chieda un rimborso quando il prezzo di cessione del farmaco all'ospedale e' definito attraverso il meccanismo della gara, quindi non certo dal produttore, e soprattutto a fronte del fatto che per legge non e' possibile interrompere ne' tantomeno regolamentare le forniture ospedaliere''.

''In tema di controllo della spesa ospedaliera, sarebbe anche opportuno evitare argomentazioni pretestuose a proposito del ricorso ai biosimilari'' dice il vicepresidente di AssoGenerici Francesco Colantuoni. ''E' con un certo imbarazzo che abbiamo letto le dichiarazioni di Cittadinanzattiva, che ha stigmatizzato il fatto che in alcune Regioni, sfortunatamente poche, le gare vengono condotte in riferimento al nome della molecola, ponendo sullo stesso piano originatore e biosimilare, oppure indicando che la quota del biosimilare deve essere di almeno il 60% in previsione del numero di pazienti naive previsti. Invocare la continuita' terapeutica in questi casi non ha senso: il paziente naive non ha ricevuto in precedenza alcun trattamento, quindi e' solo buon senso che si preveda di cominciare con il farmaco meno costoso. E' del tutto fuori luogo, poi, parlare di sicurezza: i dati del sistema di farmacovigilanza dell'AIFA mostrano semmai che i biosimilari presentano un numero di reazioni avverse inferiore rispetto all'originatore. E' davvero sorprendente che chi meritoriamente si batte per migliorare l'accesso alle cure e la loro qualita' non veda come il biosimilare sia la chiave per allargare la platea dei pazienti trattati. La platea dei pazienti trattati, non i profitti di qualcuno''.

com-mpd/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari