lunedì 05 dicembre | 14:14
pubblicato il 04/nov/2011 13:25

Lotta alla mafia con ragazzi disabili impegnati in pizzeria

Nel Casertano lavorano in un ristorante confiscato ai casalesi

Lotta alla mafia con ragazzi disabili impegnati in pizzeria

Solidarietà, coraggio, ironia e buona tavola alleati nella lotta alla mafia. In una villetta confiscata al boss dei casalesi Pasquale Spierto, è stato aperto un ristorante pizzeria a San Cipriano d'Aversa, nel Casertano, dove lavorano anche di ragazzi disabili mentali. Si tratta di una Trattoria, NCO, Nuova Cucina Organizzata, anche il nome è nel segno dell'ironia, NCO infatti è anche l acronimo della camorra degli anni 80, sotto Cutolo, Nuova Camorra Organizzata.Una decina di ragazzi disabili di Agropoli lavorano nella trattoria, si occupano del servizio in tavola e della preparazione dei cibi e ritrovano una nuova vita come spiega Peppe Pagano.Un progetto di reinserimento che parte da una idea semplice.In cucina si usano esclusivamente prodotti provenienti dalle terre confiscate alle mafie. Ora però questa sogno rischia di sparire perchè i tagli alla spesa socialepotrebero far chiudere la cooperativa.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari