venerdì 24 febbraio | 05:27
pubblicato il 16/set/2014 18:26

Loscertales(Bie): costruzione padiglioni Expo 2015 non preoccupa

"Sono stato preoccupato fino a qualche mese fa"

Loscertales(Bie): costruzione padiglioni Expo 2015 non preoccupa

Milano (askanews) - Lo stato di avanzamento dei lavori dell'Expo 2015, in particolare quelli per la costruzione dei padiglioni nazionali, non preoccupa Vicente Loscertales, segretario generale del Bie, l'organizzazione internazionale che coordina le esposizioni universali e internazionali. "La costruzione va bene, 35 Paesi hanno cominciato, c'è un grado differente di avanzamento, ma tutti lavorano e io non sono preoccupato per la costruzione, lo sono stato fino a qualche mese fa. Ci sono dei Paesi che sono in ritardo, ma sono un numero molto limitato. Bisognerà fare pressioni su questi Paesi, ma la maggioranza lavora bene anche se non si può perdere tempo. Non c'è preoccupazione metafisica sulla conclusione dei padiglioni" ha aggiunto Loscertales riferendosi ai diversi Paesi, una cinquantina, che stanno costruendo padiglioni in proprio.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech