martedì 21 febbraio | 13:41
pubblicato il 22/set/2014 12:00

Lorenzin: grazie a Veronesi, immagine che cancro si può battere

"Lo ringrazio a nome di tutte le donne italiane"

Lorenzin: grazie a Veronesi, immagine che cancro si può battere

Milano, 22 set. (askanews) - Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha ringraziato Umberto Veronesi dopo il suo addio alla carica di direttore scientifico dello Ieo, istituto da lui stesso fondato vent'anni fa. "Non posso che ringraziare il professor Veronesi per tutto quello che ha dato all'Italia, alla ricerca italiana, a milioni di pazienti e di donne in tutto il mondo. E' stato veramente l'uomo che ha rappresentato meglio di tanti altri l'immagine che il cancro si può vincere e quindi come ministro della Sanità, suo stesso ruolo che ricopro dopo tanti anni con ovviamente competenze diverse, non posso che fare un grande augurio al professor Veronesi e ringraziarlo a nome di tante donne italiane" ha detto il ministro a margine del Consiglio informale europeo dei ministri della Salute in corso a Milano. Asa

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia