venerdì 24 febbraio | 21:41
pubblicato il 29/lug/2014 16:04

Lorenzin: fecondazione eterologa in Livelli essenziali assistenza

Il ministro della Salute: va prevista anche nei centri pubblici

Lorenzin: fecondazione eterologa in Livelli essenziali assistenza

Roma, (askanews) - "La sentenza non esclude la doppia eterologa, cioé la possibilità che entrambi i componenti della coppia siano sterili e richiedano gameti da donatore. La fecondazione eterologa sarà inserita nei livelli essenziali di assistenza che sono in fase di aggiornamento. E' necessario inoltre destinare una quota del fondo sanitario nazionale per permettere la procreazione assistita eterologa nei centri pubblici. L'obiettivo è quello di mettere le Regioni ed i centri pma nelle condizioni di partire subito con l'eterologa appena approvato il decreto legge che ho intenzione di proprorre prima della pausa estiva". Così il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha presentato in Commissione Affari Sociali della Camera, il decreto che disciplina la fecondazione eterologa.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech