martedì 17 gennaio | 15:58
pubblicato il 21/set/2013 11:09

LoppianoLab: l'Economia di Comunione cerca alleanze per il bene comune

LoppianoLab: l'Economia di Comunione cerca alleanze per il bene comune

(ASCA) - Incisa Valdarno (Fi), 21 set - Unire le forze tra soggetti diversi per il ''bene comune'' dell'Italia. E' l'obiettivo dell'Economia di Comunione, il movimento nato nel 1991 da un intuizione di Chiara Lubich che si riunisce in questo giorni a LoppianoLab. Proprio ieri, al Polo 'Lionello Bonfanti', sede di LoppianoLab e dell'Edc, e' stata costituita la Scuola di Economia civile (Sec), per iniziativa di Acli nazionali, Banca Popolare Etica, Federazione trentina della cooperazione, Federcasse, Economia di Comunione Spa, Istituto Universitario Sophia.

''La Sec - ha detto oggi Luigini Bruni, economista, nella relazione tenuta in apertura della Convention nazionale dell'Economia di Comunione - e' un passo molto importante.

L'Edc funziona se e' con altri per un mondo piu' unito. Con la Sec si mettono insieme soggetti italiani di varia cultura, alcuni cattolici e altri no. Ci sono carismi civili che vanno intercettati. Non c'e' l'Edc da sola, ma si lavora con altri per servire l'Italia, stiamo insieme per il bene comune.

Quando ci mettiamo con gli altri funzioniamo bene, quando stiamo da soli le cose ci riescono peggio''.

Bruni ha anche invitato gli imprenditori dell'Economia di Comunione ad avviare ''progetti di inclusione produttiva per i giovani''.

Oggi l'Economia di Comunione coinvolge imprenditori, lavoratori, dirigenti, consumatori, risparmiatori, cittadini, studiosi, operatori economici, tutti impegnati ai vari livelli a promovere una prassi ed una cultura economica improntate alla comunione, alla gratuita' e alla reciprocita', proponendo e vivendo uno stile di vita alternativo a quello dominante nel sistema capitalistico.

L'asse portante dell'EdC e' rappresentato da imprese o organizzazioni produttive di varie forme giuridiche, anche non lucrative (non-profit, imprese sociali e civili, cooperative, associazioni) che decidono di adottare nella loro prassi la cultura e i valori dell'EdC. Le imprese EdC si impegnano a generare nuova ricchezza e a creare nuovi posti di lavoro, con creativita' e innovazione, e quindi a condividere parte degli utili per combattere la poverta'. Oggi nel mondo ci sono oltre 800 aziende aderenti all'Edc con 8 poli produttivi aperti e tre in fase di avviamento. afe/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa