sabato 03 dicembre | 16:46
pubblicato il 30/apr/2012 18:33

Londra taglia i costi, chiude consolato britannico a Napoli

Il console Burgoyne: "Contratti a termine, farò il disoccupato"

Londra taglia i costi, chiude consolato britannico a Napoli

Napoli, (askanews) - Tagliare i costi e ridurre la spesa pubblica: ci sono motivi economici dietro la decisione del governo britannico di chiudere il consolato a Napoli. Dal primo giugno la città perderà la sede diplomatica per effetto di una decisione del Foreign Office che privilegia i Paesi emergenti, Cina e India, rispetto all'Europa. Secondo il console Michael Burgoyne, 63 anni, la decisione si spiega anche con il calo del turismo e dunque del numero di persone che chiedono assistenza, -30% negli ultimi tre anni. "Noi come consolato siamo stati impegnati specialmente nell'aiutare gli organi di Stato ufficiali, come Procura e forze dell'ordine, ma anche le associazioni della società civile nella lotta contro il crimine organizzato".Il consolato, che copre 5 regioni del Sud, Sicilia inclusa, ha appoggiato associazioni come Libera, Addiopizzo e Polis. Dei dieci addetti, solo cinque restano a Napoli. "Io farò il disoccupato, come tutto il personale siamo a contratto. Finito il contratto finito il lavoro". Per Napoli è il secondo caso in pochi mesi: a gennaio Berlino annunciò la chiusura del consolato tedesco. Il sindaco Luigi De Magistris ha scritto al presidente Napolitano perchè convinca David Cameron e Angela Merkel a rivedere le proprie scelte.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari