sabato 03 dicembre | 15:14
pubblicato il 03/mag/2013 17:32

Livorno: giovane sospettato aveva in zaino telefonino vittima

(ASCA) - Livorno, 3 mag - Il senegalese di 34 anni sospettato dell'omicidio di Ilaria Leone, avvenuto a Castagneto Carducci (Li), era stato contattato dalla sua vittima proprio la sera della morte e quando e' stato rintracciato aveva nello zaino il telefonino della ragazza. ''Era l'ultima persona - ha detto il procuratore capo Francesco De Leo, insieme al colonnello dei carabinieri Massimiliano Della Gala - che aveva contattato telefonicamente la vittima e si era reso subito irreperibile.

Inoltre aveva una personalita' compatibile con l'omicida, era un personaggio violento con precedenti per lesioni, furto e danneggiamento''.

Era stata la ragazza a telefonare all'uomo la sera del primo maggio e poi c'erano stati altri contatti.

Il giovane senegalese sta per essere fermato: ''Il fermo ancora non c'e' materialmente, lo stiamo effettuando'', ha detto il magistrato, spiegando che al momento il giovane non ha confessato: ''E' estremamente agitato al momento, e' anche difficile interrogarlo''.

Quando e' stato fermato, ha spiegato il procuratore, nello zainetto aveva il telefono cellulare della ragazza. afe/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari