mercoledì 18 gennaio | 02:41
pubblicato il 25/ott/2013 14:51

Libri: 'Quando il pane non basta'. Viaggio nelle mense della Caritas

Libri: 'Quando il pane non basta'. Viaggio nelle mense della Caritas

(ASCA) - Roma, 25 ott - Il pane e' vita. Non serve andare tanto lontano, pero', per vedere persone che non ne hanno abbastanza. Basta fermarsi in quegli angoli delle nostre citta', nuove periferie esistenziali, in cui tanti volontari ogni giorno offrono da mangiare agli affamati nelle mense dei poveri. Un pasto donato che diventa momento di ascolto e conforto per occhi anonimi e preoccupati del proprio futuro.

E' un luogo d'osservazione originale quello scelto dalla giornalista Alessia Guerrieri per un viaggio all'interno degli enti caritativi che nutrono gli indigenti nel nostro Paese e che ha prodotto un libro dal titolo ''Quando il pane non basta''. Un appassionato e agile reportage raccolto nel volume, appena uscito in libreria e in e-book per Ancora editrice. Con uno stile cronachistico, l'autore guida all'interno del mondo della poverta' e dell'altruismo, dimostrando come cibo e vita siano legati a doppio filo. Dal primo infatti dipende la seconda, dal pane in sostanza dipende la sopravvivenza. Ma il dar da mangiare ha anche un suo valore piu' profondo, connesso alla comunione che si crea tra le persone attorno ad un tavolo. Al bisogno primario di un piatto di pasta, si unisce cosi' quella sensazione di conforto e confronto che dal cibo consumato in condivisione scaturisce. Percio' nelle mense dei poveri non si sfamano semplicemente gli affamati, si costruiscono invece fili sottili di solidarieta' reciproca. C'e' insomma una circolarita' di dare e avere, non solo materiale, che arricchisce e sfama vicendevolmente poveri e angeli della carita'. ''Questo libro da' voce a milioni di persone e di famiglie che si sentono dimenticate e a migliaia di volontari che camminano al loro fianco'', scrive nella prefazione il fondatore della Comunita' di Sant'Egidio, Andrea Riccardi.

Giovani, stranieri, anziani, padri separati, famiglie. Sono questi i volti che da alcuni anni riempiono le mense e i centri d'ascolto: le categorie piu' bistrattate dalla crisi.

Le loro storie testimoniano le contraddizioni della societa', ma parlano anche di errori personali che fanno rotolare velocemente nell'indigenza, come il gioco d'azzardo. Sono ''storie di equilibristi sul filo della vita - ricorda nella postfazione il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio - incontrati nei luoghi che offrono cibo, compagnia e conforto''. red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa