domenica 22 gennaio | 01:24
pubblicato il 03/apr/2011 05:00

Libia/ 'No war' tornano in piazza in Italia su appello Emergency

Strada:Mai ok a guerra.Conosciamo persone da aiutare,non migranti

Libia/ 'No war' tornano in piazza in Italia su appello Emergency

Roma, 3 apr. (askanews) - Ritornano in piazza i 'No war' in riposta ad un appello di Emergency contro la guerra in Libia: da Roma attraverso una rete che coinvolge tutta Italia, si moltiplica il tam tam pacifista e il popolo arcobaleno risponde con iniziative, presidi, proteste, cortei, fiaccolate, sit in, flash mob e palchi improvvisati per 'un 2 aprile della Pace' che ha percorso ieri molte città in tutte le Regioni italiane. Il Coordinamento 2 aprile infatti ha messo in moto il network di sigle e movimenti per una "Giornata nazionale di mobilitazione contro la guerra, lo stop ai bombardamenti e il cessate il fuoco in Libia, per fermare la guerra, la repressione ed aprire la strada a una soluzione politica coerentemente democratica", ma anche per l'accoglienza e la protezione dei profughi e dei migranti . Tutti in piazza per "una grande giornata di mobilitazione e partecipazione attiva a Roma e in tante piazze d'Italia", ma - hanno promesso i no war - è solo l'inizio di un percorso di mobilitazioni, iniziative, informazione, assemblee, incontri e solidarietà con i movimenti dei paesi arabi. "La guerra non si può umanizzare si può solo abolire", sotto questo messaggio firmato Albert Einstein, Emergency ha chiamato a raccolta i no War a Roma, in Piazza Navona. "Ancora una volta i governanti hanno scelto la guerra. Gheddafi ha scelto la guerra contro i propri cittadini e i migranti che attraversano la Libia. E il nostro Paese ha scelto la guerra 'contro Gheddafi': ci viene presentata, ancora una volta, come umanitaria, inevitabile, necessaria", si legge nel testo dell'appello diffuso in Rete che porta come primi firmatari Gino Strada, Carlo Rubbia, Luigi Ciotti, Renzo Piano, Maurizio Landini, Massimiliano Fuksas, Luisa Morgantini, Lella Costa, Riccardo Scamarcio, Valeria Solarino, Vittorio Agnoletto, Paolo Beni, Alex Zanotelli. Ma all'appello di Emergency hanno aderito un centinakio di siglie e associazioni e migliaia di persone. La manifestazione centrale è stata a Roma, a piazza Navona, con interventi e letture di Moni Ovadia, Vauro Senesi, Amanda Sandrelli, Frankie Hi Energy, Dario Vergassola, Blas Roca Rey, Massimo Zucchetti, Edi Angelillo sulle riflessioni di Bertolt Brecht, Albert Einstein, Bertrand Russell, Kurt Vonnegut, Hannah Arendt, Don Lorenzo Milani, Norberto Bobbio, Salvatore Quasimodo, Gianni Rodari. "C'è una parte di società che è contro questa guerra: perchè quando si lanciano bombe c'è una guerra, nient'altro e che non considera chi fugge dalla guerra nè migranti, nè profughi, nè clandestini: ma semplicemente persone", ha detto Gino Strada alla manifestazione di piazza Navona a Roma

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4