giovedì 23 febbraio | 15:18
pubblicato il 13/gen/2012 07:46

Liberalizzazioni/ Taxi in rivolta, a Roma assemblee spontanee

Appuntamento alle 9 sotto palazzo Chigi

Liberalizzazioni/ Taxi in rivolta, a Roma assemblee spontanee

Roma, 13 gen. (askanews) - Taxi in rivolta contro il decreto liberalizzazioni che dovrebbe approdare oggi al consiglio dei ministri per un primo esame del testo. A Roma assemblee spontanee in alcuni posteggi stanno lasciando a piedi cittadini e turisti, con il rischio del fermo totale e di conseguenti disagi: pochissimi sono i taxi in circolazione. La protesta è iniziata ieri sera, con assemblee spontanee alla stazione Termini e all'aeroporto di Fiumicino e con qualche accesa discussione contro quei pochi tassisti che hanno preferito continuare a lavorare. Ma questa mattina il fermo è pressochè totale. L'obiettivo è arrivare alle 9 in pieno centro nella capitale per portare la protesta sotto palazzo Chigi, proprio mentre il governo sarà riunito per avviare l'esame del decreto che dovrebbe liberalizzare, oltre ad altri settori, anche quello dei taxi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Grana Padano, nuovo marchio indica provenienza latte su confezioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech