domenica 04 dicembre | 07:04
pubblicato il 14/gen/2012 12:13

Liberalizzazioni, Rita Borsellino: no ai farmaci al supermercato

Strumento delicato che necessita rapporto diretto con utenti

Liberalizzazioni, Rita Borsellino: no ai farmaci al supermercato

Palermo, (askanews) - Uno strumento troppo delicato per poter pensare a una vendita aperta: Rita Borsellino, candidata sindaco a Palermo per il centrosinistra ed ex farmacista, è contraria alla proposta del governo Monti di liberalizzare le licenze delle farmacie e la vendita di farmaci. "Io che sono stata farmacista per 40 anni e sono farmacista per vocazione, penso che il farmaco sia uno strumento troppo delicato per poterlo affidare liberamente a un supermercato o a qualunque altro punto vendita. Il farmaco ha necessità del rapporto diretto acquirente-farmacista".Rita Borsellino si chiede cosa succederebbe se negli scaffali di un supermercato si potessero trovare liberamente gli psicofarmaci, gli ormoni, o i farmaci iniettabili. "E' una materia molto delicata, in cui la figura del farmacista è quella del primo operatore sanitario a contatto con l'utente. Prova ne sia che in Europa solo due paesi hanno liberalizzato farmaci di fascia C". Gli unici due Paesi sono Olanda e Portogallo, in tutto il resto d'Europa, spiega la Borsellino, il farmaco passa per le mani del farmacista, con regole stringenti per la vendita e la detenzione dei farmaci.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari