mercoledì 25 gennaio | 01:12
pubblicato il 13/gen/2012 21:38

Liberalizzazioni/ A Napoli continua ad oltranza protesta taxi

Almeno fino a lunedì 'occupazione' di piazza del Plebiscito

Liberalizzazioni/ A Napoli continua ad oltranza protesta taxi

Napoli, 13 gen. (askanews) - Continua, ad oltranza, la protesta dei tassisti partenopei che, per la terza notte consecutiva, si apprestano a rimanere in piazza del Plebiscito per manifestare contro le liberalizzazioni delle licenze previste dal governo Monti. Nonostante gli incontri con i rappresentanti sindacali e, nella giornata di ieri con il prefetto Andrea De Martino, gli autisti delle auto bianche sono decisi a non mollare lo stato di agitazione almeno fino al prossimo lunedì quando ci sarà l'assemblea nazionale a Roma, prevista al Circo Massimo. In città cresce, intanto, il malcontento soprattutto per l'assenza di taxi nei posteggi e per la difficoltà a prenotare una corsa telefonicamente. La maggior parte dei taxi, infatti, è concentrato in piazza del Plebiscito garantendo unicamente il trasporto di disabili, donne incinte e casi di emergenza. Nonostante lo stato di agitazione la Prefettura, d'intesa con il Comune e la Provincia sta monitorando la situazione per evitare eccessivi disagi ai cittadini garantendo che non venga interrotto il servizio pubblico in caso di necessità. In serata il sindaco napoletano Luigi de Magistris ha rinnovato il proprio sostegno ai tassisti che stanno manifestando rassicurando che il prossimo martedì incontrerà nella capitale sia il ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri che quello del Lavoro Elsa Fornero. Ai due ministri rappresenterà le istanze dei tassisti anche perché ogni protesta, secondo il primo cittadino, varia a seconda delle esigenze e delle singole realtà. De Magistris ha incontrato un rappresentante sindacale della categoria ed ha chiesto di rivedere l'occupazione di piazza del Plebiscito cercando il modo per far sì che la protesta "crei minor disagio possibile". "In un momento di crisi così dura - ha detto de Magistris - non mi sembra che questa sia una misura necessaria e urgente, anche per la tenuta del tessuto sociale". Un concetto già illustrato ieri con il quale aveva mostrato piena solidarietà alla categoria.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Maltempo
Recuperato altro corpo in hotel Rigopiano, vittime salgono a 16
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4